Please enter your username and email address. Get new password
Register Now
x

Intervista a Josh del sito brasilero della band: RHCP BR

00

intervista a Josh del sito brasilero della band: RHCP BR

la mia traduzione (che avrà qualche sbavatura) – Gidan Razorblade

(…)

D-Cominciamo col chiedere un po ‘del Brasile.
Che ricordo hai del Brasile e del pubblico?”
R-la zipline al Rock In Rio Haha! (Ride)
No, sul serio, tutto il pubblico brasiliano con cui ho avuto l’onore di suonare è stato incredibile
D-Rock in Rio 3 è stata l’audience più grande a cui han partecipato i RHCP. Questa nuova edizione del Rock In Rio si è superata?
R-Beh, non sono sicuro di quello che era il numero ufficiale di persone, ma di certo la mole di essa era enorme. Ho anche suonato al Live Earth -o ciò che è stato chiamato tale – nel 2007 con i RHCP . e c’erano molte persone! Abbiamo anche appena suonato allo Stade de France, che è anche un posto enorme. Ma il Rock In Rio è stato fantastico.
D-Eri già stato in Brasile? Questa ultima volta è stata diversa dalle altre?dico proprio il tuo soggiorno qui. Hai trovato qualcosa di diverso, , avuto il tempo per visitare altri luoghi ?
R-ho avuto più tempo. Ma ne avrei voluto di più
D-A São Paulo, abbiamo appreso che avete acquistato più dischi, hai avuto il tempo di godervi i vostri nuovi acquisti? Qual era il tuo preferito?
R-ho comprato molti album! Ma sai, ancora non mi è stato possibile ascoltarli tutti. Finora, uno dei miei preferiti è stato “The Emerald Tablet” di Jorge Ben. Inoltre, ero alla ricerca di una sola delle mie canzoni preferite di tutti i tempi: “Mane John”, il Wanderléa. Qualcuno ha un LP-45 di questa canzone?

D-E a Sao Paulo, quando sei andato sul palco e hai visto i palloncini rossi e la scritta “Welcome Josh Klinghoffer, siamo con te”, cosa ne hai pensato?
R-Che bella gente.
D-Hai ancora quella scritta?
R-Sì, è vicino alla mia porta di casa.

D-a proposito di questo.. com’è il supporto dei fan durante il concerto?
R-splendido

D-Rispetto ai tuoi primi momenti con i Red Hot Chili Peppers ,quanto pensi ti abbia ispirato e quando sia cresciuta l’intensità con musicisti del calibro di Chad Smith e Flea? Ti senti già “casa”?

R-Flea, Chad e Anthony ha fatto di tutto per farmi sentire a casa fin dall’inizio. Questa tipologia di formazione non l’avevo mai provata prima, in particolare. Sembra che il nostro rapporto progredisca ogni giorno di più. mentre ciò si evolve, suonare con questi interpreti mi ispira sempre qualcosa di nuovo ed interessante da suonare. O almeno a provarci
D-Chad, Flea e Anthony ti danno dei consigli ogni tanto?
R-qualcosa si. Ma normale, come ogni amico che ha vissuto una situazione più di te.

D-Durante il 2001 avete provato cenni di ‘American Ghost Dance’ e ‘Jungle Man’, dall’album Freaky Styley. La band è intenzionata a suonare più brani dal suo secondo disco prossimamente? qual’è il tuo brano preferito da esso?

R-Se ‘American Ghost Dance’ è stata citata, è solo a livello di improvvisazione.Non è mai stato in scaletta che io sappia. Io adoro quel disco, quando proviamo i brani ci capita di suonare brani come ‘Blackeyed Blonde’ e ‘Yertle The Turtle’, alternandoli un pò nelle setlist. Ma per un motivo o per un altro vengono sempre dimenticate, è il problema che può accadere quando hai troppa bella musica da poter suonare. Mi piacerebbe suonare “Jungle Man!”
D-Il verso di ‘Meet me at the Corner’ che tu canti, l’hai scritto tu?e che coinvolgimento hai avuto nel songwriting di I’m With you?
R-Effettivamente ho scritto i due versi che canto.Inzialmente , volevo che Anthony li cantasse, ma poi ho visto che finivano per essere più adatti per la mia voce, che dovevano essere il coro, e alla fine son diventati la voce principale. A volte cambio la composizione originale delle melodie e canto qualche.parola diversa, com in ‘Factory Of Faith’,ma Anthony canta ogni cosa che scrive.quindi un buon 99.8%-

D-hai detto che il prossimo album, vuoi concentrarti sulle composizioni sulla chitarra. Possiamo aspettarci un suono più rock con dei riff?
R-Vedremo. In realtà, credo che mescolando con chitarre acustiche o slap lo slap di Flea si possa ottenere comunque qualcosa di aggressivo

D-E queste b-sides indicano un pò la strada che si seguirà in futuro?
R-No. Al contrario,le bsides formano una mappa multidirezionale del passato
D-Stai già scrivendo un nuovo album il Chili Peppers?
R-Ufficialmente no, ma le idee stanno già emergendo …

D-Pensi che ci sarà molta differenza tra ciò che sarà il futuro e l’attuale “I’m With you”?
R-Quando cominceremo a concentrarci su nuove canzoni, son sicuro sarà maggiore il livello di comfort e familiarità. Ma penso che, nel suo insieme, sono sicuro che sarà molto simile a ciò che la band ha sempre realizzato

D-ah! Sei stato tu a suggerire il nome dell’album,e come sei arrivato a questo titolo?
R-“I’m With You” era qualcosa che ho visto scritto su un muro con dei bei colori, vicino a casa mia. Per me, è perfettamente rispecchiato il contesto dell’album. in molti modi, come lo è stato per “Inibithion” (per i Dot Hacker ndr)

D-E come è nata il nome per il disco dei Dot Hacker?
R-dalla canzone, sembra riassumere perfettamente i sentimenti che sono stati collocati nella scrittura dell’album. Nella formazione della banda stessaa. Questa canzone è stata scritta molto tempo prima ed è stata rilasciata solo grazie a circostanze casuali che han messo in piedi la band. Il modo in cui questa canzone è stato registrato anche … venne a trovarsi inibita in un certo senso. C’erano un sacco di inibizione intorno alla canzone e l’album.
D-E ‘vero che vi piacciono le copertine degli album in cui la band non appare. C’è una ragione?
R-E ‘solo un gusto personale, davvero. Io preferisco mille volte “Sono With You” o “inibizione” che immagini.
D-E il RHCP, qual è la tua copertina preferita?
R-“I’m With You”
D-il genere dei Dot Hacker è diverso da quello dei Red Hot Chili Peppers. Ma quando hai scritto per i Red Hot, si è aggiunto qualche influenza dei Dot Hacker?
R-In realtà non ho ben capito la domanda, ma io odio le etichette musicali. Ho solo Composto. Tutti noi suoniamo quello che ci piace. Entrambe le band hanno una combinazione unica di persone che sono fatti per la vita, l’amore, l’emozione,e producono..
D-mi spiace ho, ho confuso la questione precedente, ma ho capito e apprezzato la risposta.
Quello che volevo sapere era se alcuni metodi o tecniche che si utilizzano in una band vengono utilizzati anche negli altri …

R-io uso gli stessi metodi di lavoro e sempre la scrittura. Ci sono molti modi per scrivere, ma sono ugualmente validi per entrambe le band

D-Sempre riguardante Dot Hacker, ” Neon Arrow”,non è entrata nel disco, C’è qualche possibilità in futuro di vederla in qualche album, magari di bsides?
R-si è una canzone che non ha mai trovato una perfetta rappresentazione. La versione che è venuto fuori – mi dispiace aver lasciato tale – non era completa. E ‘come un demo più dettagliata. Una versione demo che non accontentava tutti i membri della band. La mia scelta è andata verso brani più “completi” e più suonati ogni giorno

D-A cosa stavi pensando quando hai scritto il Idleidolidyl ? Qual è stata la tua ispirazione?
R-Ho scritto questa canzone sotto il palco Teatro Södra a Stoccolma. Ero in tour con Sparks. Penso riguardi il mio essere affascinato dai giochi di parole della lingua..

D-Potete immaginare come il video musicale di uno dei Dot Hacker? La band si propone di registrare un video clip?
R-Io non sono un grande fan di video clip, ma ci stavo pensando quando ero su un aereo l’altro giorno. Si, a meno di idee ben profonde e realizzate, la fantasia funziona meglio dei videoclip
D-Abbiamo avuto l’opportunità di vedere un video ottimo che spiegava la strumentazione (Rundown Rig) con Ian Sheppard, la sua tecnologia nella chitarra. Quasi tutta la attrezzatura – amplificatori di tipo, per esempio – sono molto vecchi. Ma nel frattempo si usano suoni contemporanei con l’aggiunta costante dei pedali. Pensate che questi estremi funzionino bene o è un dualismo che non è mai attraversato la tua mente?
R-Nuovo e vecchio. Modern / old fashioned. Futuro / passato. Io sono sempre pensarci. Sì, potrei andare più in profondità, certo. Ma lasciamo riassumere tutto questo con un sì. Ci penso sempre molto
D-E nel tempo che intercorre tra uno spettacolo e l’altro, cosa fai? Di solito visiti il luogo dove ti trovi o preferisci trascorrere il tempo da solo a studiare e ad ascoltare musica?

R-dipende. Mi piace uscire, per quanto posso, ma mi sono reso conto che ho anche bisogno di riposare il più possibile. Non riposo a sufficenza , è una gran corsa
D-A proposito, c’è qualche canzone che senti di più quando sei da solo?
R-la sento quasi sempre da solo
D-E in quale città ti sei divertito di più suonare
R-ovunque.
D-Prima città in cui hai suonato al di fuori degli Stati Uniti (e con chi)?
R-Scherzi a parte, ci sono molti luoghi meravigliosi in tutto il mondo fermarsi a scegliere un preferito.
D-No, in realtà volevamo sapere la prima città dove hai suonato in generale, ti ricordi?
R-Oh sì, ho letto male. Fuori dagli Stati Uniti è stato il primo Sydney, in Australia, con i Butthole Surfers nell’ ottobre 2001. E ‘stato incredibile!
D-Una città che non hai visitato e in cui ti piacerebbe suonare?
R-L’Avana

D-Il suo cibo preferito?
R-Pensiero.
D-Il più strano cibo che ha mangiato?
R-Meglio non dirlo,che la gente ci rimarrebbe male
D-Una bevanda?
R-Orange Julius
D-Un film?
R-Manhattan (1979 diretto da Woody Allen)
D-Una canzone?
R-Adagio in G Minor
D-Adagio Lara Fabian?
R-No, Tomaso Albinoni.
Leggevo proprio di una polemica che si chiedeva se realmente l’avesse scritto lui o se qualcuno avesse utilizzato frammenti della sua opera.
D-Un libro?
R-The Elementary Particles
D-Un idolo?
R-No, grazie.
D-Sport preferito?
R-Baseball.
D-l’hai praticato?
R-quando ero più giovane
D-Una frase o citazione che viene in testa in questo momento?
R-Perché?

D-Non lo so, alcune quote di leggere e che potrebbe ispirare i loro fans …
R-Sì, ‘* Perché ” è la citazione, ovvero è ciò che mi viene in mente
D-Qual è stata la cosa più strana che avete mai visto o assistito?
R-Il 3 ottobre 1979 alle ore 07:08 (PST), quello strano momento …
D-[Ride] Dopo quel momento imbarazzante, sin dall’età di 15 anni, hai lasciato la scuola per perseguire la musica. I suoi genitori è sostenuto in questo? Se non avesse funzionato? Non molti musicisti possono pagare le bollette con questo lavoro … Riesci a immaginare di avere un altro lavoro?

R-non so se questo è buono o cattivo, ma no, non posso immaginare di fare qualsiasi cosa, che non sia la musica. E no, non mi han supportato. Erano anni terribili. Ma alla fine, questo in realtà solo per scoraggiarmi: “lavorare fuori o morire.” per fare in modo, voglio dire di continuare a fare musica per me stesso. Continuare a crescere come musicista, scrittore, artista, umano, persona,. Devo ancora cercare di progredire in ciò.

D-Durante la tua carriera hai partecipato a progetti molto validi in band come BT, PJ Harvey, e Ataxia Wairpaint … anche considerando che ti vuoi concentrare du Dot Hacker e RHCP, c’è qualche possibilità in futuro di òavorare di nuovo con questi band?
R-Le porte non sono chiuse. Ma purtroppo, ci sono solo poche ore durante l’anno.
D-E quando eri nei BT,avevi avuto la possibilità di provare a fare il turnista per i Nine Inch Nails, ma non accettasti, perchè?
R-io non volevo suonare con loro.
D-Nel 2007 hai suonato con alcuni membri dei Marlene Kuntz e poi ha fatto una cover di Mina del tour dello scorso anno in Italia. Pensi di ripetere l’esperienza prima o poi?
R-mi piacerebbe registrare una cover di quella canzone , ma ne ho il coraggio di rischiarmela?
D-Dovresti …
Hai qualche artista italiano preferito?
R-Ce ne sono così tanti

D-Se avessi la possibilità di fare una collaborazione con un artista o con una band chi sceglieresti?
R-Idleidolidyl.
sono molti. Chiedimelo un’altra volta
D-vorresti collaborare con molti musicisti?
R-ho molto da pensare in questo momento. Voglio solo mettere a fuoco ciò che sono , scrivere canzoni e cantare, suonare.
D-Grazie Josh, è stato davvero un piacere intervistati.
R-spero sia stato interessante.

Interview: Altair Pereira, Ana Paula, Paulo Marcelo, Amanda Olivieri and Alessandra (JK.org).
Photos: Geoff Moore and Clara Balzary

0 thoughts on “Intervista a Josh del sito brasilero della band: RHCP BR”

Leave a Reply