Please enter your username and email address. Get new password
Register Now
x

Gitarre & Bass Magazine: Interview with Josh Klinghoffer

20


PER LA TRADUZIONE ITALIANA CLICCA QUI

Josh, è la prima volta che i Peppers non hanno lavorato con Rick Rubin. Per THE GETAWAY avete avuto la presenza di Brian Burton alias Danger Mouse. Hai avvertito una sorta di Déja-vu, visto che avevi già lavorato con lui precedentemente?
Josh: si, più o meno. L’ho fatto intorno al  2005/2006. Facemmo un disco con Martina Topley-Bird (l’ex cantante di Tricky nda) –  lui era il produttore e io ero il chitarrista.

Quindi tu conosci Brian da tanto. Questo ha reso più semplice fare team assieme a questo giro?
Josh:  Si. ma è stato difficile alcune volte. Non per colpa di Brian, ma riguarda il fatto che a me non piace lavorare con dei produttori. Non sono abituato. Ora, con lui, è stata una bella esperienza andare in studio ogni giorno e trovarlo come si fa con un vecchio amico. Ma so anche che si potrebbe  realizzare qualcosa senza qualcuno in cabina di regia. E’ ciò che ho imparato lavorando ai miei dischi. Voglio dire: adoro essere in una complesso e collaborare con altre persone, ma questo disco mi ha mostrato che è più facile per una band condividere la tua responsabilità e decisione con qualcun’altro. Felice di farlo con chi ha la mia piena fiducia, allo stesso tempo, a volte ciò ha i suoi lati non positivi.

In che senso?
Josh: mi riferisco al modo in cui abbiamo scritto i brani, in passato la band arrivava e iniziava a jammare – che è tipico di una rock band. Nonostante ognuno sia aperto a nuove strategie, non è così semplice adattarsi ad una nuova maniera di songwriting, con brani lavorati per sezioni. Iniziando magari dalla batteria, poi dal basso, magari dopo dalla chitarra e infine dalla voce. Questo approccio può portarti ottime sonorità ma può anche essere piuttosto curioso. Perché magari, mentre uno sta registrando il pezzo, gli altri restano seduti ad aspettare che venga effettuato quel processo. Così inizi a farti domande tra te stesso e sull’intero meccanismo in sé.
Quando l’intera band registra contemporaneamente puoi sentire una sorta di immediatezza e magia che accade se qualcosa veramente funziona. Ma con Anthony a fare le sue linee vocali alla fine, dopo che noi avevamo abbandonato lo studio, non potevi realmente essere sicuro di quanto l’intera amalgama fosse poi uscita fuori così come l’avevi pensata embrionalmente. Non sapevamo se il brano fosse realmente completo oppure no. Quindi si accalcavano dei dubbi che vedevo come non necessari e che facevano sentire a disagio ma, è come Brian lavora. Lui ha fatto delle robe veramente grandi con alcuni altri artisti in passato e ha funzionato benissimo.

Quindi, se i Peppers dovessero produrre un nuovo album per conto proprio, tornerebbero a jammare ?
Josh: Io ho questa ingenua convinzione che potremmo produrci da soli. Ma penso non sia possibile. È improbabile che accada.

Ma non pensi che la band abbia guadagnato abbastanza esperienza negli anni per prodursi un album per conto proprio?
Josh: Certo, ma la band vuole un parere esterno. Questo è il punto in cui siamo in disaccordo.

Sembra tu non sia del tutto soddisfatto per THE GETAWAY…
Josh: Non completamente. Per ciò che ti ho detto prima. Questo modo di lavorare è stato complesso e stancante. Pensavo sarebbe stato più semplice ma non lo è stato. Come alla fine è successo con  I’M WITH YOU.

Stai ancora combattendo per una stabilità nell’ottica della band
Josh: Si, nel senso che non è più strano suonare con loro. Adesso so come funzionano le cose. Ma ho la sensazione che devo ancora combattere per far rispettare me stesso e le mie influenze. Sopratutto quando c’è un produttore che  prende molte delle decisioni al posto della band, mentre noi ci tratteniamo alcuni consigli personali per paura che si rivelino dei fallimenti.

Come è cambiata la tua vita quando sei entrato nei Chili Peppers? 
Josh: Non così tanto. Ora ho più chitarre e strumenti da suonare ma ciò mi porta anche a più frustrazione perché ho meno tempo per suonare tutto ciò. Quindi la mia vita non è cambiata così tanto, ho una casa che è più grande rispetto alle altre in cui ho vissuto, ma ciò significa più spazio per libri, chitarre e vestiti.

Ti sei tolto un po’ di sfizi chitarristici, comprando qualche chitarra dei tuoi sogni ? 
Josh: Ovviamente! (ride)

Ad esempio la Fender Custom Shop White Chicken Thinline Telecaster?
Josh: Esattamente! La Fender ha costruito dei modelli per me. Basati su alcuni che avevo visto a Stoccolma tempo fa, con il manico più sottile che io abbia mai visto. Credo fosse una reazione rispetto agli anni 70, la Fender vendette alcune tipologie che non avrebbe dovuto. Questa è una normale Strato, ma con questa componente più sottile. Quando il personale della Fender mi disse “vieni da noi, ti faremo qualsiasi cosa!” io ho pensato che era proprio quello che avevo in mente. Ci hanno messo un po’ ma alla fine l’ho ricevuta. Ora la suono al posto della  White Penguin. La trovo più divertente da suonare, come una Telecaster.

Hai anche alcune Hagström e Airline guitars dal periodo in cui suonavi con Beck, giusto?
Josh: Si, avevo bisogno di una di queste per andare in tour con lui. A volte le suono ma giusto privatamente o in studio, non onstage. Non fanno al caso dei Red Hot. Quindi ne porto un numero abbastanza risicato. Per i Peppers  hai bisogno di chitarre speciali per un suono speciale! (ride)

Quanto è grossa la tua collezione di chitarre? La tua nuova casa è già piena di esse?
Josh: (ride) purtroppo! Perciò mi sono dato decisamente una calmata. Ho realizzato di non avere molto tempo per suonarle tutte. Così ne compro più raramente di nuove, semmai le do, o almeno ci provo.

Ciò vuol dire che ne hai comprate molte dopo essere entrato nei  Peppers?
Josh: (sorride) ne ho prese tante!

Sei uno smanettone?
Josh: Abbastanza (ride)

E per quanto riguarda gli effetti e amplificatori?
Josh: ne ho davvero tanti. Un altra cosa che mi ha un po’ scocciato sul nuovo album è che speravo di usare tutti i pedali che ho collezionato in questi anni, volevo un suono naturale . Per creare qualche effetto speciale con il mio amplificatore e qualche microfono.

Al posto della tua  pedal board?
Josh: Esattamente, ma considerando come abbiamo registrato il disco e come arrangiavamo i brani, scrivendoli in studio molto velocemente, sono tornato alla mia pedal board con diversi suoni, che è comunque una cosa divertente. Ma era lo stesso modus operandi del disco precedente, che era un po’ avvilente. Per questa ragione penso che la progressione del lavoro in tal disco non è stata come avrei voluto. Non sono insoddisfatto dell’album, ma non è come l’avrei voluto, ecco perché. Ho sempre da imparare che non posso ottenere sempre ciò che voglio. Non posso sempre andare dove vorrei. Son tutte cose che devi mettere in conto quando sei in una band.

C’è differenza c’è tra il setup studio e live ? 
Josh: Un po’. Provo a suonare con il minimo di pedali quando sono onstage. Giusto perché non voglio stare troppo appresso ad essi quando sto suonando on stage. Voglio arrivare lì e godermi il momento. Questo vuol dire ridurre al minimo le noie e avere una pedaliera ben sistemata.
Non ero nella band quando buona parte dei brani sono stati scritti quindi ho una mia linea guida di come vorrei che le canzoni suonino. Penso questo caso sia differente dai miei predecessori nel gruppo. Io so come suona ogni singola canzone nei dischi perché le ho ascoltate per tutta la mia intera vita. Per avvicinarmi a questo suono e rendere il meglio anche il nuovo materiale, sto cercando di fare un sistema di switch con il mio tecnico della chitarra Ian. Voglio essere capace di cambiare da tre effetti a quattro con anche un solo bottone Ciò ha bisogno di una pedaliera switch molto veloce o non sarei in grado di cambiare tutto con una sola pressione magari mentre sto cantando.

Di conseguenza, ci sono solo due modi per suonare canzoni di una band con circa 26 anni (l’intervistatore non sa contare nda) alle spalle e 7 chitarristi : suonarli a modo tuo o a modo loro.
Josh: Esatto. E io adoro queste canzoni che la band ha composto enza di me, così tanto che cerco di essere più vicino possibile a ciò che era l’atmosfera originaria: ci sono dettagli ed elementi specifici che che devono esserci e provo a catturarli.

Come hai cambiato il modo di suonare la chitarra negli ultimi anni? In che modo suonare brani altrui influenza il tuo modo di fare musica?
Josh:  è sicuramente cambiato. Ma non è facile per me descriverlo. Quando noi siamo tornati dal nostro ultimo tour io non ho preso la chitarra per un lungo periodo. Mi sono esercitato al piano e scritto nuovi brani e testi. Sono tornato alle sei corde alla prima sessione del nuovo album. A tale riferimento non so dirti come è cambiato il mio modo di suonare, so solo che è successo. Ancora oggi provo a suonare sempre più in maniera pulita , efficiente e combattendo contro il mio essere un chitarrista  disordinato e rumoroso.

Mi stai quindi dicendo che tu vieni da un altro background musicale?
Josh: Si, ho sempre amato gli accordi strutturati e non sono mai stato uno musicista con basi da studente – cosa che non fatico ammettere. Sono un autodidatta e tendo a diventare sempre un po’ nervoso quando si tratta di andare a fondo di un particolare dettaglio della struttura di una determinata canzone, e finisco per dichiararmi “auto apprendente” come effettivamente sono. Per la serie: non so bene cosa sto facendo MA, lo faccio.

Oggi è possibile riuscire a realizzare qualcosa che sia realmente rivoluzionaria e nuova ? 
Josh: penso di no. Ma non mi preoccupa, io provo a dare il meglio di me stesso

Metti raramente assoli nel tuo songwriting, come mai? C’è qualcosa di sbagliato in essi ?
Josh: Nulla, è che non ho mai realmente imparato come suonarli. Quando ho iniziato a strimpellare la chitarra, non ascoltavo particolare musica con assoli. Inoltre, quando iniziai ad esercitarmi con le sei corde avevo 15 o 16 anni, diciamo tardi. Quando iniziai ad ascoltare i Chili Peppers per la prima volta ero ancora un batterista e non avevo chissà che nozioni di chitarra. Quindi, niente di sbagliato nei confonti degli assoli, è che per suonarli ci vuole parecchia pratica. Quando iniziai io in quel ruolo, andavo ad accordi, non ho mai pensato di divenire un chitarrista professionale.
Quando conobbi Bob Forrest e iniziai a suonare con la mia prima band, The Bicycle Thief,  era una sola questione di riff. Con ogni tour e periodo da session man, ho imparato di più e di più ancora, espandendo le mie conoscenze. Perciò non ho mai realmente imparato a fare esecuzioni soliste perché non mi ci sono realmente applicato finché non sono entrato in questa band. Che è un po’ un pre requisito per essere in questo progetto.
Ma la ragione per cui ne suono pochi non è perché non mi piacciano o li odio, è solo qualcosa che non ho mai realmente imparato a fare .

Tu sei diventato un musicista di professione a 17 anni. Hai mai sognato di suonare in una band come i Peppers? 
Josh: (lride) No, mai. Devi sempre ricordare come è accaduto il tutto: da amico di  John Frusciante e suonando nei suoi dischi. Poi divenni il loro turnista, suonando con loro onstage e quando Frusciante decise di lasciare la band chiesero a me di farne parte. Credo sia stata una catena di circostanze fortunate che non avrei mai sognato, è impossibile, sono stato nel posto giusto al momento giusto per  svariate volte.

Sei ancora in contatto con John?
Josh:  Non molto. Siamo entrambi molto impegnati. Onestamente mi sembrerebbe veramente strambo suonare con i Peppers e andare in giro con John, credo che non verrebbe troppo naturale manco a lui. Credo sia normale tenere una certa distanza a mio parere .

Ma voi due eravate come migliori amici? 
Josh:  Si, sicuramente. E non ho certo organizzato di non parlargli più finché morirò. Abbiamo solo scelto di prendere strade diverse. Sarebbe curioso se ne parlassimo in privato di alcune cose. Specialmente per me che ho avuto problemi con il nuovo album. Non posso telefonargli per lamentarmi di questo e quest’altro e mostrargli quanto miserabile io mi senta in certe circostanze. Perché dovrei svelare così la mia debolezza? Perché lui dovrebbe volerla ascoltare? E se tutta la circostanza potrebbe fargli male? (è per questo che) penso dobbiamo rimanere un po’ per conto nostro.

Puoi immaginarti un giorno a compiere una decisione così radicale come fece John di lasciare la band per una attività esclusivamente solista ? 
Josh: (ride) Non ne ho idea! Penso lui avesse più ragioni oltre al chiudere con la band per avere meno tour e più tempo per la sua musica. Perciò non credo che prenderei una decisione così netta a breve. Sopratutto finché adoro suonare in una band e spero di avere nuove possibilità e modi di creare qualcosa di speciale.


Translation by Nina and proofreading by Adriana (German to English)

Josh Klinghoffer. Interview in German magazine “Gitarre & Bass“, October 21 2016. Interview by Marcel Anders

Josh Adam Klinghoffer is what people call a “Road Dog” or “Studio Rat”: a live and session musician who already played with many popular artists such as Beck, Gnarls Barkley, PJ Harvey and Butthole Surfers at the age of 37.

33616 – An unremarkable number at an unremarkable drive at Pacific Coast Highway in Malibu. At the end there is a luxury building with a view of the ocean. You can rent this luxury villa for 75k per week. […] It’s a perfect place for an international press day of the Red Hot Chili Peppers.
The management and label ordered a star chef who serves a luxury menu – exotic tea or delicious salad included. This scenario feels very surreal for the author who does this interview but it also seems to be very surreal for still-new-Pepper guitarist Josh Klinghoffer. He leads me to a guestroom on the first floor for the interview – a very nice view of the ocean included. Klinghoffer welcomes me with a face of amusement and irritation. “I know that they’ve blown a lot of money for this luxury villa and all this food and I wonder if it’s necessary – it’s decadent and snobbish. But hey, if the label and the rest of the band like it… I can speak for myself: I don’t live such a feudal lifestyle. This house here is a way too snobbish for me.”

This comment makes him even more likeable. During the interview Klinghoffer – who is the only member of the Chili Peppers who was actually born in Los Angeles – presents himself as an open-minded, honest and of course self-critical person.

Josh, it’s the first time since 1989 that the Peppers haven’t worked with Rick Rubin. For THE GETAWAY you worked with Brian Burton alias Danger Mouse. Was it kind of a Déja-vu for you because you’ve already worked with him before?
Josh: Yeah, kind of. I worked with Brian some years ago, I think it was in 2005/2006. We did an album with Martina Topley-Bird – he was the producer and I was the guitarist.

So you’ve known Brian for a long time. Was it easier for you working with him again? Did you know what you would get into?
Josh:  Yes. But it was also difficult at some times. Not because of Brian but I had to come to terms with myself that I don’t like working with producers. I’m not used to it. Now – with Brian – it was great going into the studio every day and meeting an old friend. But I know that you can make an album without a producer. This is what I’ve learned while making my own albums. I mean: I love being in a band and working together with other people. But this album showed me that it’s easier for a band to give away your responsibilities or decisions in making music. So I’m happy that I trust the people I’ve worked with and I support most of their decisions. But it was hard at some points.

How?
Josh: Because of how the songs were written. In the past the band met in a room and just jammed – it’s typical for a rock band. Although everyone is open for new things, it’s not that comfortable for a band playing new songs split in many parts. Starting with drums, then bass, later guitar and finally the vocals. This approach can lead you to beautiful tunes but it’s also a bit weird because most of the time the rest of the band just sits there waiting while one person is recording his part. So you start questioning yourself and the whole recording process.
When the whole band is recording simultaneously you can feel a kind of immediacy and magic happening and you hear if it sounds great. But with Anthony doing his vocals last after we left the studio we were never really sure if the song would sound like we imagined it to be. We didn’t know if the song was complete. So there were many doubts which I perceived as uncomfortable and unnecessary. But, it’s how Brian works. He did some great music with other artists in the past which was very successful.

So if the Peppers would produce their next album on their own, would you come back to the idea of jamming?
Josh: I have this naïve thought that we can produce ourselves on our own. But I think it’s not possible, I think it’s unlikely.

But don’t you think that the band has gained enough experience over the years to produce an album themselves?
Josh: Sure. But the band wants an external opinion. That is the point where we disagree.

It sounds like you aren’t satisfied with THE GETAWAY…
Josh: Not completely. It’s because of the things we’ve just talked about. The working process was very complex and exhausting. I thought it would be easier but it wasn’t. It was just the same as on I’M WITH YOU.

Are you still fighting for your acceptance in the band?
Josh: Yes, but it isn’t that weird anymore playing with them. By now I know how the band works. But I have the feeling that I still have to fight to enforce myself and my influence. Especially, when there is a producer who makes most of the decisions for the band while we are keeping our own counsel because otherwise we wouldn’t attain anything.

How did your life change after you joined the Chili Peppers?
Josh: Not that much. Now I have more guitars and instruments to play but it also leads to more frustration because I have less time for playing them. So my life didn’t change that much. I have a house which is bigger than any other houses I’ve ever lived in. But it just means I have more space for books, guitars and clothes.

Did you fulfill some of your guitar dreams?
Josh: Of course! (laughs)

For example a Fender Custom Shop White Chicken Thinline Telecaster?
Josh: Exactly! Fender did build some Strats for me. It’s based on a guitar I saw in Stockholm which had a very thin guitar neck like I had never seen it before. I was told that it’s a rejection from the 70s when the quality standard and the quality control were not that high at Fender. They’ve sold some guitars they shouldn’t have sold. This Strat is like a normal Strat, just with a very thin guitar neck. But this was what I liked about it. It’s standard scale but it feels like a short scale guitar. The boys at Fender were like “Just come around to our Custom Shop, we’ll make anything you want”. Actually I wanted them to build me some Strats with a thin guitar neck. But when I was there I saw this White Chicken guitar hanging on a wall and I asked the boys if they could build one of them for me. It took them some time but I recently received it. Now I play it instead of the White Penguin. It’s more fun to play and it feels like a Telecaster.

Also you own some Hagström and Airline guitars from your time playing with Beck, right?
Josh: Yes, I needed some of these guitars for one tour with him. Sometimes I play them but just privately or in the studio but not on stage. They don’t really fit the sound of the Chili Peppers. So I’m trying to take fewer guitars with me on tour. For the Peppers you need some special guitars for a special sound (laughs).

How extensive is your guitar collection? Is your new house full of guitars yet?
Josh: (laughs) Sadly! So I’m trying to bring it down at the moment. I realized that I don’t have time for playing all of these guitars. So I rarely buy new ones but instead give them away. Well, at least I try to…

This also means you’ve bought a lot after joining the Peppers?
Josh: (grins) I’ve bought a lot!

Are you a gear head?
Josh: Kind of (laughs).

What about amps and effects?
Josh: I own a lot of them, too. That’s another fact that bothers me about the new album: I hoped that I could use all these pedals which I have collected over the years. I wanted a natural sound. Thus I wanted to create some special effects with my amps or with some microphones.

Instead of your pedal board?
Josh: Exactly. But because of the recording process of the album and how we arranged the songs – like writing songs in the studio very fast – I came back to my pedal board with all kinds of different sounds – which is fun though. But it was the same working process as with the last album, which was a bit sad. This is the reason why I think the album process was not as progressive as I wanted it to be. I’m not dissatisfied with the album but it isn’t what I wanted to do. I guess that’s why I still have to learn that I can’t always get what I want. I can’t always go the way I want to. But this comes with being in a band.

Is there a difference between your live and your studio set up?
Josh: Slightly. I try to play with a minimum of pedals on stage. Just because I don’t want to think about my pedals while playing on stage. I just want to jump off and enjoy the moment. This means that I try to reduce my pedal board. I want my pedals to be clearly arranged.
I wasn’t part of the band when most of the songs were written so I have my own picture on how I want the songs to sound like. I think in this case I work differently than the previous guitarists of the band. I know how the songs sound on record because I listened to these songs my whole life. To get close to this sound and also to make a good sound for the newer stuff, I’m currently building a switching system with my guitar tech Ian. I want to be able to change from three effects to four more effects just by using one button. The set requires a fast pedal switching so I wouldn’t be able to do that only with my foot while I have to sing along at the same time – or whatever I have to do on stage sometimes.

Therefore, there are only two ways of playing songs from a 26-year era of a band with 7 guitarists: either you play them your way or you play them like your predecessors.
Josh: Exactly. And I love the songs the band composed in the past without me so much that I want to get as closely as possible to it. Along the lines of: there are some details and specific elements in the songs that have to be there. I try to capture them.

How did it change the way you play the guitar in the last years? How does playing other peoples’ songs influence the way you make music?
Josh: It definitely changed. But it’s not easy for me to describe it. When we came back from our last tour I didn’t play the guitar for a very long time. Instead I played piano and wrote new songs and lyrics. I began playing the guitar again when the first sessions for the new album started. In this respect I can’t tell how my guitar playing changed – I only know that it did change. I’m still trying to play clean, efficient leads and fight against the noisy, messy guitarist I am.

Thus you’re coming from a different musical area/corner?
Josh: Yes, I always liked chord structures and I’m not a schooled musician – which I don’t mind admitting. Instead I’m self-taught. Hence I always get a little bit nervous when it comes to details of song structures and I have to declare myself. Actually I don’t really know what I’m doing – I just do it. But, I was always fascinated by chord progressions and I always tried to come up with something interesting, things I haven’t heard before. Therefore I’m not sure how far someone with a limited knowledge about music can change or create new music.

Is it possible today to come up with something completely new, something revolutionary?
Josh: I don’t think so. Therefore I’m not worried. I try to do my best.

There are rarely solo parts in your guitar playing. May I ask why? What’s wrong with solos?
Josh: Nothing. I’ve just never learned how to play them. When I started playing the guitar I didn’t really listen to music with solos. Besides I started playing the guitar when I was about 15 or 16 which was very late I guess. When I listened to the Chili Peppers for the first time I was still a drummer and didn’t have any clue about the guitar. So, nothing’s wrong with solos, it’s just a way of playing which requires a lot of practice. When I started playing the guitar I only played chords. I never expected to become a professional guitarist.
When I met Bob Forrest and started playing with my first band, The Bicycle Thief, I was only strumming chords. With every tour or session job I did I learned more and more and expanded my knowledge. Therefore I always tried to avoid playing solos because I never focused on doing it – until I joined this band. It’s like a basic prerequisite for this band.
But: the reason I play less solos is not because I don’t like playing them or because I reject them. It’s just something I’ve never really learned to do.

You were 17 when you became a professional musician. Cross your heart: have you ever dreamed about playing in a band like the Chili Peppers?
Josh: (laughs) No, never. You have to remember yourself how it happened: I was friends with John Frusciante and played with him on his solo albums. Later I was the back-up guitarist for the Chili Peppers and toured with them and when John decided to leave the band they asked me to join them. I think it’s a conjunction of lucky coincidences you couldn’t have even dreamed of – it’s impossible. I was in the right place at the right time – several times.

Do you still stay in contact with John?
Josh: Not really. We’re both very busy. Honestly, it would be very weird playing with the Peppers and hanging out with John. I think it wouldn’t come naturally to him either. It’s better to keep a distance in my opinion.

But you two were best friends, right?
Josh: Yes, for sure. And I’m not planning on not talking to him till the day I die. We decided to take different paths. It would be weird if we would talk privately. Especially for me who had some problems with this new album. I can’t call him to complain about this and that and let him in on how miserable I feel about certain things. Why should I show my weakness? Why should he listen to that? And how hurtful would it be for him? I think we need to put some daylight between us.

Can you imagine making such a radical decision like John did and leave the band for a solo album some day?
Josh: (laughs) No idea! I guess he had some more reasons for quitting the band than doing less tours to get more time for his own music. Therefore personally I think that I wouldn’t make such a decision anytime soon. Particularly since I love playing with the band and I hope for more new rudiments and ways to create something special.